La salute dei miei figli e le mie responsabilità

Non potrete dire di non averlo saputo !

Firenze – San Lorenzo a Greve,

La cameretta dei miei figli, che negli anni di vita di questo blog ( e purtroppo nei primi anni di vita di loro stessi ) , ho mostrato a tutti fino alla noia, si trova oggi nelle vergognose condizioni che vedrete nelle foto sotto.
Come padre – mi trovo nella assurda situazione di ritenermi responsabile dell’aggravamento dei rischi a cui sono sottoposti i miei stupendi ragazzi e quindi della loro salute e di subire UNO SFRATTO pur di abbattere un vergognoso muro di gomma ed avere giustizia !
Infatti – in attesa di una verifica delle “istituzioni”  deputate alla salute e sicurezza dei cittadini (notare il virgolettato) – verifica che ancora una volta tarda a venire – ultimamente non ho provveduto a bonificare la camera dei miei figli (come ho sempre dovuto fare durante gli inverni ).
Così come ho lasciato nel loro vergognoso stato gli altri ambienti di questi famelici 69 mq ad “affitto calmierato ” affidateci nel 2008 – con un bando – dal Comune di Firenze, ma di una proprietà privata che ha costruito con soldi pubblici !
Parlo di: camera matrimoniale, soggiorno, cucinotto, bagno, ripostiglio.
Si salvano (ma solo in parte) garage  e balconi.
Sono confidente che prima o poi le vere responsabilità verranno a galla. Questa è una delle poche sicurezze che mi sono rimaste. E ne ho sempre avute poche nella mia vita.
Anzi direi che ormai di questo ne faccio proprio una ragione di vita !

Leggi le mie ultime vane richieste all’attuale proprietà e altri  ( file pdf – 4,8 mb) in questo calvario iniziato nell’estate 2008.


(Appartamento 17D – Via Tiziano, 45 – Firenze
Attuale Proprietà : InvestiRe Sgr Spa – ex Polaris SGR Spa, ex Affitto Firenze Spa) – provenienza bando Comune di Firenze Ventimila Alloggi in Affitto

Noi non ci nascondiamo
VERGOGNAAAAAA !

Abbiamo richiesto ufficialmente l’intervento di: ASL (per la 2a volta) , VVFF, e persino dei NAS. Ma non si è ancora visto nessuno !
Vogliamo sapere con che cosa sono state costruite queste case.

DOVE SONO LE ISTITUZIONI ?
l’Italia deve ripartire da qui !

keywords: social housing, san lorenzo a greve, affitto calmierato, firenze, ventimila alloggi in affitto,truffa affitto convenzionato

*******

Annunci

il cappottino alla muffa gli fa una pippa !

BASTA MUFFA e PROBLEMI VARI !!!

Che siano fatte verifiche serie una volta per tutte e riconosciuti i danni agli inquilini, a partire dall’abbattimento del canone !

8/12/2012 – A distanza di quasi un anno, siamo di nuovo costretti ad aggiornare questo post pubblicato il 25/1/2012, per confermare che i problemi della muffa non sono stati affatto risolti con la sola cappottatura parziale realizzata nel febbraio 2011, nè lo potranno essere con semplici trattamenti antimuffa, così come tenta nuovamente di persuaderci la proprietà ( molti inquilini ci sono purtroppo cascati o non potevano fare altrimenti ).
Sotto vedrete le foto dello stato attuale, che fa prefigurare una situazione addirittura peggiore degli anni scorsi.
La cosa incredibile è che la proprietà,  dopo averci pure lasciato 30 ore senz’acqua potabile (e questo solo nel mese di novembre) per l’ennesimo problema all’autoclave condominiale, pretende anche pagamenti del lauto canone di affitto nei tempi contrattuali.
Queste case ci sono state assegnate dal Comune di Firenze ed i costruttori hanno goduto di oltre 2 milioni di Euro di finanziamento pubblico della Regione Toscana e di altri sconti vari.
Pretendiamo che i suddetti enti si facciano comunque garanti della qualità degli immobili e che tutelino inquilini e bene pubblico, nonostante – in relazione alla nostra vicenda – nutriamo forti perplessità sulla loro condotta, a partire proprio dalla mancata risposta del Sindaco di Firenze Matteo Renzi .

DSCF3594 DSCF3590 DSCF3588

Così commenta in questi giorni la mamma dell’appartamento sopra:

Ieri sera mentre davo la buonanotte ai miei figli , mi sono sentita chiedere da loro “Mamma ma questa muffa in camerina non ci fa male ? “
Mi si è strinto il cuore perché so bene che la muffa fa male e non potevo certo dirgli una bugia, ma nello stesso tempo non volevo metterli in una stato di grave agitazione.
I miei figli non sono due bambini piccoli, hanno 13 e 14 anni perciò , oramai da tempo , hanno capito la gravità della situazione delle nostre case e vivono insieme a noi l’ansia di sapere che stiamo vivendo una grande ingiustizia !! Sono veramente incazzata stamani e pensare che dobbiamo mettere in pericolo la nostra salute perché chi doveva controllare non lo ha fatto e non perché distratto… mi fa andare il sangue alla testa !!!
Quando poi penso che oltre a tutto ciò ci costringono anche a vivere in miseria perché ogni mese dobbiamo pagare un affitto, che sarebbe spropositato anche se le case fossero state costruite con tutti “i crismi “, ma che lo è ancora di più nella nostra situazione ,allora mi dico che dovremmo smettere veramente di pagare fino al ripristino di tutto ciò che non va in queste case .

25/1/2012 – Come purtroppo temevamo ( e da sempre noto agli addetti ai lavori ), è bastato il primo vero freddo invernale a mettere in evidenza i limiti della cappottatura realizzata frettolosamente nel febbraio 2011.
Le zone critiche non coperte, infatti, si stanno velocemente ripopolando di muffa , tanto che è facile ipotizzare l’imminente ritorno alla medesima  incresciosa situazione già nota a tutti, viste anche le previsioni di freddo più intenso per i prossimi giorni.
Di seguito alcune foto esemplificative riprese il 21/1/12  (aggiornate al 4/2) all’interno della camera di due adolescenti dell’appartamento 17 -D  (ultimo piano) .
Pare piuttosto evidente l’effetto del ponte termico generato dall’aggetto di gronda , nonchè dalla copertura in cemento armato  .
La stessa INSALUBRE SITUAZIONE si ripresenta in corrispondenza degli altri ponti termici non corretti ( pilastri , mazzette delle finestre, comprese le soglie  ), ma ormai ovunque sulle murature.

Emblematico, nei commenti qui sotto, quello dell’inquilino dell’appartamento 18-D (ultimo piano) :

” Idem con patate…… In camera dei bambini dalla parte con cappotto….. ariMuffa!!!!
Evvia Evvia.,..
Attorno alla finestra molto pegggio di prima,.!!!

….. (continua nei commenti)

******

AGGIORNAMENTO 25/1/2014: i ponti termici non sono più presunti, ma acclarati dal fatto che la proprietà è stata costretta a realizzare un cappotto termico (sebbene a macchia di leopardo) nel febbraio 2011.
Cappotto che 
– laddove c’è – nemmeno funziona, perchè la muffa si sta riformando anche nelle zone “cappottate”.

Ma il problema è ancora più grave perchè non si tratta di soli  ponti termici, perchè negli anni la muffa sta proliferando in grande quantità ovunque nelle murature esterne e ora anche interne, facendo ipotizzare l’impiego di materiali del tutto inadeguati.
Servirebbe urgentemente un carotaggio e conseguente analisi chimico-fisica e anche tossicologica dei materiali impiegati.
Carotaggio richiesto per le vie ufficiali, promessoci solo a parole dal Comune, ma mai realizzato.

Anzi con molta probabilità, puntando sui ponti termici, abbiamo involontariamente distolto l’attenzione su altri gravi problemi e fornito una “facile” soluzione al costruttore. Ed ecco quel ridicolo “cappotto termico” che nessun serio professionista, si sarebbe mai spinto a realizzare, ma di cui i giornali avrebbero comunque parlato come panacea di tutti i mali. Così infatti è stato.

Riflettete anche sul fatto che, con questo strano “cappotto” questi fabbricati sono stati “stravolti” da un punto di vista architettonico con una disarmante semplicità. Ma pensate invece sei voi volete aprire una finestra, cosa dovete fare.
Ovviamente il tutto perchè le istituzioni sono state assenti e comunque non certo dalla nostra parte.

 

*******

Per non dimenticare

Ventimila Alloggi in Affitto – San Lorenzo a Greve (FI)

(Bando affitto agevolato del Comune di Firenze per la sola selezione degli assegnatari)
Proprietà:
Affitto Firenze Spa (Cooperativa Unica, Consorzio Etruria, BTP et altri…fino al dic. 2012);
Polaris Real Estate (da dic 2012) poi Investire SGR

Le foto (cliccabili) che seguono, rappresentano una selezione degli immobili orribilmente impattati dalla muffa per 3 inverni consecutivi.
Soltanto nel febbraio scorso la proprietà ha realizzato una cappottatura parziale delle pareti esterne e quindi non è stato ancora possibile valutarne l’efficacia.
Diversi appartamenti impattati sono rimasti comque “scoperti”, ma è molto probabile che la proprietà, nel “risanare” i singoli immobili dall’interno, abbia utilizzato prodotti antimuffa e/o vernice termoisolante (ricordiamoci che invece secondo il POR regionale, la vernice doveva essere atossica a base vegetale in involucro edilizio ad elevata inerzia termica ).

Una vernice termoisolante, semplice “pannicello caldo” nel caso dei nostri gravi ponti termici,  potrà ritardare gli effetti di condensa sugli stessi, ma non certo correggerli definitivamente ed evitare il riformarsi di muffa negli anni futuri (a futura memoria).

Aggiornamento 1/2012: come era ben prevedibile, in una situazione come questa, la muffa, con l’avvento del primo vero freddo, sta ritornando a galoppare molto velocemente !!!! ).

AGGIORNAMENTO 25/1/2014: i ponti termici non sono più presunti, ma acclarati dal fatto che la proprietà è stata costretta a realizzare un cappotto termico (sebbene a macchia di leopardo) nel febbraio 2011.
Cappotto che 
– laddove c’è – nemmeno funziona, perchè la muffa si sta riformando anche nelle zone “cappottate”.

Ma il problema è ancora più grave perchè non si tratta di soli  ponti termici, perchè negli anni la muffa sta proliferando in grande quantità ovunque nelle murature esterne e ora anche interne, facendo ipotizzare l’impiego di materiali del tutto inadeguati.
Servirebbe urgentemente un carotaggio e conseguente analisi chimico-fisica e anche tossicologica dei materiali impiegati.
Carotaggio richiesto per le vie ufficiali, promessoci solo a parole dal Comune, ma mai realizzato.

Anzi con molta probabilità, puntando sui ponti termici, abbiamo involontariamente distolto l’attenzione su altri gravi problemi e fornito una “facile” soluzione al costruttore. Ed ecco quel ridicolo “cappotto termico” che nessun serio professionista, si sarebbe mai spinto a realizzare, ma di cui i giornali avrebbero comunque parlato come panacea di tutti i mali. Così infatti è stato.

Riflettete anche sul fatto che, con questo strano “cappotto” questi fabbricati sono stati “stravolti” da un punto di vista architettonico con una disarmante semplicità. Ma pensate invece sei voi volete aprire una finestra, cosa dovete fare.
Ovviamente il tutto perchè le istituzioni non sono state certo dalla nostra parte.

Qualcuno poi ha mai visto una termografia di questi fabbricati ?

Per maggiori informazioni e/o assistenza scrivere a: slorenzoagreve@gmail.com

Qui sotto le foto dell’inverno 2009-2010

******

Passa all’azione per il bene di tutti… condividilo qui sotto

Foto Alloggio 1B – Scala B – Piano Terra

Ringraziamo l’inquilino dell’alloggio 1B che in data odierna (19/02/2010) ci ha consentito di fotografare un punto di muffa sempre lungo un pilastro di una camera

Foto dell’Alloggio 18D – Scala D – Piano V (ultimo)

Ringraziamo l’inquilino dell’alloggio 18D che ci ha messo a disposizione diverse foto relative all’inverno passato ed a quello attuale

Foto dell’alloggio 8C – Scala C – Piano III

Ringraziamo vivamente l’inquilino dell’appartamento 8C che ha collaborato (per il bene di tutti) segnalandoci e consentendoci di fotografare in data 18/1/2010, diversi ed estesi punti di muffa ed identificarli sulla pianta.

Foto dell’alloggio 9A – Scala A – Piano V (ultimo)

Ringraziamo vivamente l’inquilino dell’appartamento 9A che ha collaborato (per il bene di tutti) segnalandoci e consentendoci di fotografare in data odierna 15/1/2010, diversi punti di muffa ed identificarli sulla pianta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: