Fare polemica ? … Ma scherziamo Assessore Fantoni ?

Ripubblichiamo oggi un vecchio articolo uscito su questo blog nel lontano 2010.
Nel frattempo l’assessore Fantoni (prima alla casa e poi al bilancio) si è dimesso, pare per dissensi con il Sindaco Renzi , anche se oggi , si dice sarebbe di nuovo in corsa come Sindaco di Firenze.
Ma – come potete immaginare – non è certamente per questo motivo che riportiamo a galla il nostro vecchio articolo.
Ci interessano infatti le considerazioni espresse allora, visto che le stesse sono ancora drammaticamente attuali .
Il Nuovo Corriere di Firenze, unica voce allora (abbastanza) libera fra la stampa cittadina, ha chiuso i battenti un paio d’anni orsono, lasciando per la strada un bel po’ di giornalisti e noi completamente soli (ma fieri) a narrare le nostre  vicende.
Anche un altro paio di “protagonisti” di questa penosa Mani sulla città in salsa fiorentina, sono scomparsi o comunque mutati.
Uno, vero pezzo da 90 dell’edilizia cooperativa, è stato sull’orlo del fallimento, ma poi si è “trasformato” e – unica nota positiva – salvando (in parte) i posti di lavoro, ma lasciando in brache di mutande centinaia di fornitori .
L’altro, a corto di quattrini e dell’appoggio del primo (e di altri) e con qualche problemuccio in più – si è “riposizionato” , rifugiandosi sotto la tonaca di una congrega di preti in affari con il vizietto della finanza offshore e oggi minaccia pure legalmente il nostro “polemico” presidente.
La muffa, ancora vera protagonista indiscussa, ha dovuto talvolta cedere la scena ad altri attori drammatici (la signora Autoclave) e comici (il signor Cappottino).
Intanto l’ineffabile amministratore di condominio, ex SUNIA, scuola cooperativa emiliana, amico e “ministro”di molti giornalisti, politici, notabili e consiglieri comunali , è ancora seduto su quello scranno consiliare e mette oggi a disposizione di quei religiosi cattolici il proprio avvocato, sokista come lui e i tanti altri in posizioni “di rispetto”.
Un gran bel groviglio … ma senza quella “armoniosità” che è esclusiva dei soli senesi.

  • Verifiche delle istituzioni: ancora non pervenute;
  • Sindacati degli inquilini: ancora non pervenuti .

Gutta cavat lapidem

*******

16 Giugno 2010,

L’assessore alla Casa del Comune di Firenze sul Nuovo Corriere di Firenze (sabato 12/6 – pag. 8) ha “accusato”  il presidente del nostro comitato di voler solo fare polemica.

Il nostro presidente di seguito contro-risponde

*****

Altro che fare solo polemica, qui si tratta di tenere alta l’attenzione su seri problemi ( case nuove costruite da privati con soldi pubblici e piene di muffa; è sempre bene ricordarlo ).

E poi a questi problemi se ne sono aggiunti recentemente di nuovi (La giungla). Quindi, come dire, una ragione in più.

C’è voluta la provocazione del nostro comitato sugli “Angeli del bello ” e pubblicata (soltanto) dal Nuovo Corriere di Firenze, per far uscire allo scoperto il Comune di Firenze e fargli ammettere a mezzo stampa che ” I problemi ci sono e nessuno li nega e sono sicuramente oggettivi “, come dice lei al giornalista nella sua replica.

Se non sono stati fissati i sopralluoghi che lei cita è perchè qualcuno stava lavorando alacremente per svelare la reale dimensione di quegli stessi problemi e quel qualcuno non era certamente il Comune di Firenze, la società Affitto Firenze Spa ( proprietaria degli appartamenti ) o il Consorzio Etruria .

A cosa sarebbe servito un sopralluogo su un singolo appartamento (su 50) senza poi sapere come stavano messi gli altri ?

Alle valutazioni tecniche si arriva, quando possibile, con i riscontri incrociati.

Forse poteva far comodo ? Non lo so…. mi ricordo il presidente Tossani che su La Repubblica del gennaio scorso parlava di un solo caso arrivato sulla sua scrivania, riducendo il problema ai minimi termini, con buona pace di molti, forse troppi.

Ma so invece che adesso ci sono circa 20 appartamenti con gli stessi problemi in bella mostra sul nostro blog.

Esattamente in questo modo ho risposto alla Direzione Ambiente, che chiedeva la mia disponibilità per un sopralluogo.

Poi, dopo che la realtà è venuta tristemente a galla, sono io che non ho più avuto risposte ufficiali, ma sono stato contattato informalmente e insistentemente da vari uffici .

Quando anche dalla sua segreteria mi hanno invitato telefonicamente ad un incontro presso il suo Assessorato, l’ho contro-invitata a venirci a trovare a San Lorenzo a Greve e ho chiesto anche perchè il Sindaco non rispondeva alla lettera del nostro comitato del gennaio scorso.

Di ciò ho sempre informato gli aderenti al Comitato durante le nostre belle e partecipate Assemblee.

Mi immagino poi che una Istituzione Pubblica, come un Comune, di fronte ad evidenti problemi di carattere igienico-sanitario, in alloggi assegnati ai suoi cittadini tramite un proprio bando e con l’utilizzo di fondi pubblici, possa (o debba ?) fare motu-proprio i sopralluoghi che ritiene opportuni.

Lei invece ci dice sul giornale, che si tratta di una questione di “alloggi privati”.

Seppur è vero che oggi i contratti di affitto non sono fra l’Amministrazione Comunale e gli inquilini (come per gli alloggi ERP), ma fra gli inquilini e una società per azioni completamente privata ( la Affitto Firenze Spa ) .

E’ altrettanto vero, come scrive la Regione Toscana , che il suo Comune ha avuto il potere di controllo ai sensi della L.R.77/98 e dell’art. 11 del P.O.R..

Oggi lei ci dice, tramite stampa, che il Comune può svolgere il ruolo di “mediatore” in una eventuale Commissione Conciliativa Stragiudiziale e che è già stato fatto per altri alloggi con problemi (dei 369 del bando)

Saremo felici di potervi fare ricorso anche noi, se lecito.

A maggior ragione se questo vuol dire risolvere i problemi degli inquilini senza farli sobbarcare delle insostenibili spese che dovrebbero affrontare (sottoscritto compreso) in una causa legale contro la proprietà.

Ma Lei lo sa perchè oggi questi oggettivi problemi non possono più essere negati e si arriva a soluzioni di questo tipo?

Semplicemente perchè un inquilino, con qualche cognizione di causa e con un enorme lavoro, ha :

  • Informato e sensibilizzato gli altri co-inquilini sull’importanza degli stessi problemi (quando invece qualcuno cercava di sminuirli se non addirittura di occultarli;
  • effettuato sopralluoghi in almeno 20 abitazioni;
  • scattato e confrontato oltre 100 fotografie, con la scorta delle planimetrie di tutti gli appartamenti;
  • consultato tecnici esperti e docenti universitari;
  • Fondato un Comitato e realizzato un blog  e lo stesso riempito di foto, video, considerazioni, testimonianze e documenti. 

Se questo Lei lo definisce voglia di fare polemica (con quale scopo poi ?), faccia pure.

Qui abbiamo veramente la coscienza a posto.

Ci vediamo all’incontro del 23 p.v., presso il suo assessorato, al quale giusto oggi siamo stati telefonicamente invitati.

Firenze, 16 giugno 2010

Cordialmente

Riccardo Ciaccheri

Presidente del Comitato Assegnatari-Inquilini Bando 20.000 alloggi in Affitto San Lorenzo a Greve

L’interrogazione dei Consiglieri Comunali del PDL

Riportiamo oggi in evidenza l’interrogazione n. 750 del 22/6/2010 con risposta in aula, dei consiglieri comunali del PDL, già pubblicata il 27/6/2010 su questo blog .
Incredibilmente a distanza di 3 anni , questa completa interrogazione è ancora attuale e sarebbe pure da ampliare, dopo che gli alloggi sono stati recentemente conferiti ad un fondo immobiliare “religioso” con origini in Lussemburgo :

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA IN AULA

  • Oggetto: alloggi sociali ubicati a San Lorenzo a Greve
  • Proponenti: Giovanni Galli, Jacopo Cellai
  • Altri firmatari: Mario Tenerani, Massimo Sabatini, Emanuele Roselli

I sottoscritti Consiglieri Comunali,

  • Appreso dalla stampa cittadina che gli alloggi sociali compresi nel piano comunale denominato “20 mila alloggi in affitto”ubicati a San Lorenzo a Greve e consegnati in locazione nel giugno 2008, versano in pessime condizioni sia per la mancata manutenzione degli spazi esterni sia per presunti vizi costruttivi che compromettono la salubrità dei locali abitati;
  • Appreso che in particolar modo i residenti degli edifici di via Tiziano n.ri civici 45,61,63 e 65 hanno ripetutamente segnalato problematiche di natura igienico sanitaria per la presenza di vaste aree degli alloggi colonizzate da muffe, che sarebbero riconducibili ad anomalie termiche dovute al mancato rispetto delle prescrizioni tecniche edificatorie ed impiantistiche finalizzate al risparmio energetico;
  • Considerato che per la costruzione degli alloggi ad affitto calmierato, che rientrano nel programma sperimentale “Ventimila alloggi in affitto” finanziato dallo Stato con decreto 21/2001 e recepito dalla Regione Toscana con apposita delibera nel 2003, sono stati concessi contributi pubblici pari rilevanti pari al 45% dei costi di realizzazione degli alloggi da affittare a canone convenzionato se la locazione è permanente e del 25% se invece è a termine;
  • Considerato che ai contributi regionali si sono aggiunte agevolazioni da parte del Comune di Firenze nei confronti della proprietà come l’abbattimento del 40% degli oneri di urbanizzazione, la dilatazione del pagamento della restante somma dovuta per un periodo di cinque anni, l’abbattimento dell’ICI per la durata di dieci anni nonché la mancata richiesta degli oneri concessori relativi al costo di costruzione;
  • Considerato che le edificazioni in oggetto soggiacevano al vincolo imposto dal Piano Operativo Regionale che prevedeva fabbricati di elevato standard edificatorio ed alta inerzia termica secondo un ottica di eco-sostenibilità;
  • Considerato viceversa che, oltre ai disagi legati alla insalubrità dei locali, i cittadini lamentano anche un forte dispendio di energia con conseguente aggravio delle spese di riscaldamento e raffreddamento;
  • Appreso che le cantine sono completamente preda delle muffe e che dai pavimenti degli alloggi filtrerebbe addirittura acqua, senza contare lo stato di degrado degli spazi condominiali esterni con l’erba alta che raggiunge le terrazze dei primi piani e la presenza di topi;
  • Appreso che l’amministratore del condominio negli edifici sopramenzionati sarebbe un Consigliere Comunale di cui i residenti lamentano il completo disinteresse nei confronti dei disagi lamentati;
  • Visto che l’Amministrazione Comunale presentò nel giugno 2008, al momento della consegna dei primi appartamenti, la realizzazione del progetto come un’ottima forma di collaborazione fra istituzioni pubbliche e soggetti privati per fornire una risposta concreta alle famiglie fiorentine che non possono permettersi di sostenere un canone del libero mercato;
  • Ritenuto che l’Amministrazione, a fronte dei contributi pubblici concessi, debba farsi eticamente garante della qualità degli edifici consegnati tutelando i residenti

INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE

  1. Se, a seguito delle denunce dei residenti, sono stati eseguiti accertamenti negli edifici di San Lorenzo a Greve, specificatamente in via Tiziano n.ri 45,61,63 e 65, per verificare le condizioni igienico sanitarie degli alloggi nonché il rispetto delle prescrizioni edificatorie in termini di risparmio energetico;
  2. Se intende adottare provvedimenti a tutela dei locatari, anche a fronte dei contributi pubblici concessi;
  3. Se corrisponde a verità che l’Amministratore dei condominii sopramenzionati riveste anche il ruolo di Consigliere Comunale e se, come si apprende dalla stampa, appartiene al Partito Democratico;
  4. in caso affermativo, a chi corrisponde il Consigliere comunale menzionato, e se ritiene compatibile la politica di attenzione e sostegno riservata alle fasce sociali più deboli, nella quale si riconoscono notoriamente i rappresentanti istituzionali militanti nelle fila del PD, con l’atteggiamento professionale non proprio responsabile denunciato dagli affittuari degli alloggi di San Lorenzo a Greve.

Giovanni Galli Jacopo Cellai

Firenze, 22 giugno 2010

Fonte: Atti del Consiglio Comunale

*****

27/6/2010:
L’interrogazione non è stata discussa in aula, ma vi è stata una 
risposta scritta dell’Assesore Fantoni.
Con estremo rammarico, si sottolinea come, nonostante ben 4 interrogazioni sullo stesso argomento di 3 diversi gruppi dell’opposizione ( Perunaltracittà, Spini per Firenze e PDL )  , questa seria questione non sia mai stata discussa in aula ed i consiglieri si siano sempre accontentati di risposte scritte dirette (non pubbliche)  interlocutorie e/o non esaustive.
Quando dall’Ufficio stampa comunale vengono diramati giornalmente decine di comunicati  ( per questioni in molti casi ben più “leggere ” ); nel nostro caso non ne è mai uscito alcuno.

******

Il Muro di gomma – tutte le denunce senza risposta

Ci siamo imbattuti in un autentico muro di gomma completamente trasversale, compatto e omnicomprensivo.
Quando anche le forze politico/sindacali, la cosiddetta società civile, nonchè i media, tipicamente vicini alle problematiche sanitarie, sociali, civiche e persino ambientali, come quelle da noi espresse, si dimostrano completamente assenti o quantomeno ambigui, viene da pensare a comportamenti massonico-settari, conditi col tipico malaffare italico.

Leggete infatti qui di seguito tutte le denunce che sono ancora senza risposta, ma anche senza alcun eco mediatico e traetene le vostre considerazioni.

*****

Denunce

( In ordine cronologico dalla più recente )

La Mozione del Consiglio di Quartiere 4  ( dic. 2010 – senza risposta )
La Denuncia al Presidente Enrico Rossi ( giu. 2010 – senza risposta )
Le Interrogazioni consiliari di T.Grassi (febbr-giu. 2010-senza risposta effett.)
L’ Interrogazione consil. del PDL (giu.2010-mai discussa – senza risposta)
La Lettera dell’ASL-Igiene Pubblica (mag. 2010 – intervento mai effettuato)
La Lettera del Difensore Civico della Toscana ( mar. 2010-senza seguito)
La Risposta di Ciaccheri alla Direz. Ambiente del Comune ( mar. 2010 )
La Denuncia al Sindaco Matteo Renzi ( gen. 2010 – senza risposta)
La Lettera della Direz. Ambiente  del Comune a Ciaccheri ( dic. 2009 )
La Lettera della Direz. Ambiente del Comune a Ciaccheri ( sett. 2009 )
La Lettera della Direz. Patrimonio del Comune (mar. 2009-senza seguito)
La Lettera della Regione al Comune ( gen. 2009 )
La Lettera di Ciaccheri alla propr. + amm. condom. (gen.2009 – senza risposta)
Il primo Avviso aicoinquilini ( gen. 2009 ) ;
La Lettera di Ciaccheri all’ex. Assessore Coggiola (lug. 2008 – senza risposta)
Le Lettere del SUNIA agli inquilini ( mag-giu 2008 )
Comunicazioni della
proprietà (Affitto Firenze S.p.A.)
La Lettera del 6 Dic. 2010 (comunicazione avvio lavori) ;
La Lettera del 8 Apr. 2010 ;
La Lettera del 12 Gen. 2010 ;
La Lettera del 22 Mar. 2010 ;
La Lettera del 4 Giu. 2008
Atti e Documenti
La D.I.A dei lavori di “cappottatura” (ago. 2010) ;
Il Contratto di locazione (pdf – 3.8 mb ) ;
La Convenzione parteintegrante del contratto di locazione ( pdf – 7.5 mb ) ;
La Lettera della Direzione Patrimonio del Comune (marzo 2009 )
Il Piano Operativo Regionale (pdf ) ;
Dossier e Stampa
” Lo scambio ineguale ”(pdf – feb. 2007) ;
 ****

Nuova sezione documenti

Da oggi troverete tutti i documenti (denunce, atti, interrogazioni, dossier, stampa, e poi in seguito la normativa di riferimento) nella apposita sezione raggiungibile dal menù orizzontale in alto e comunque da qui:

La maggior parte di questi documenti era già online, ma soltanto sparpagliata fra i tanti articoli di questo blog.
Questa nuova sezione ci consente di favorire ancora di più la massima trasparenza.
Quella trasparenza che, come vedrete da quella lunga fila di mancate risposte, da quell’assordante silenzio, si contrappone in modo stridente a quell’opaca cortina innalzata dai vari livelli politico – istituzionali .
Ciò è piuttosto preoccupante.

Vai alla sezione “documenti

 

*******

La mozione del Consiglio di Quartiere 4

Di seguito il testo integrale della mozione approvata all’unanimità nell’adunanza del 14/12/2010 dal Consiglio di Quartiere 4.
Tuttavia al nostro comitato non è mai arrivata alcuna risposta e ci risulta che non sia pervenuto alcun riscontro istituzionale nemmeno al Quartiere 4.

****

MOZIONE

(ai sensi dell’articolo 15 del regolamento dei Consigli di Quartiere)

 

Oggetto: Muffa negli appartamenti ad affitto agevolato di San Lorenzo a Greve.


IL CONSIGLIO DI QUARTIERE 4

Premesso che

  • la tutela della salute dei cittadini è compito primario del Sindaco;
  • fra i doveri di un’amministrazione democratica dovrebbe esserci anche quello di rispondere sollecitamente ed esaurientemente alle domande poste dai cittadini,

Considerato che

  • l’Assessore alla casa del Comune di Firenze nell’occasione di una sua comunicazione sulla questione abitativa a Firenze al Q4 ha presentato gli interventi del programma “20.000 abitazioni in affitto” come uno degli esempi più significativi di social housing attuati;
  • che i soggetti attuatori dell’intervento di San Lorenzo a Greve del predetto programma hanno ricevuto per la realizzazione degli appartamenti in affitto un finanziamento pubblico di oltre due milioni di euro:
  • è il terzo inverno consecutivo in cui in vari appartamenti del complesso edilizio di San Lorenzo a Greve realizzato dall’ Affitto Firenze Spa nell’ambito del “Programma 20.000 abitazioni in affitto” a Firenze compaiono consistenti episodi di muffe nelle stanze;
  • gli inquilini hanno denunciato da tempo questa situazione sia attraverso lettere ufficiali alle autorità e attraverso una minuziosa documentazione pubblicata in un blog del Comitato che gli affittuari hanno costituito e accessibile a tutti in rete al seguente indirizzo: https://sanlorenzoagreve.wordpress.com
  • una lettera in cui si chiedeva un intervento in merito a questo problema inviata al Sindaco di Firenze in data 2 febbraio 2010 non ha ancora avuto nessuna risposta;
  • il Nuovo Corriere di Firenze del 2 novembre scorso citava un non meglio precisato accordo che sarebbe stato stipulato fra il Comune di Firenze ed i costruttori per la soluzione dei problemi , ma che lo stesso non è mai stato presentato ai cittadini interessati;
  • il Consigliere comunale Tommaso Grassi ha presentato in merito a queste problematiche l’interrogazione n. 1181 del 28/10/2010. che solo in data 02 dicembre ultimo scorso ha avuto solo una parziale risposta dall’Assessore Claudio Fantoni ed i cui effetti annunciati non hanno ancora visto nessuna concreta attuazione

SI IMPEGNA

  • A chiedere al Sindaco di Firenze a dare risposta entro le prossime festività di Natale alla lettera inviata dal Comitato degli affittuari in data 2 febbraio 2010.
  • A richiedere urgentemente un intervento dei tecnici ASL competenti per verificare lo stato della diffusione delle muffe negli appartamenti e le eventuali conseguenze delle stesse sulla salute degli abitanti.
  • Di chiedere all’Assessore alla casa del Comune di Firenze di intensificare il percorso attuativo delle misure annunciate per risolvere il problema segnalato, promovendo contestualmente momenti di verifica che coinvolgano, oltre ai tecnici comunali e di “Affitto Firenze”, i cittadini del comitato degli affittuari

Il consigliere proponente
Mario Bencivenni

****

fonte: http://www.comune.fi.it/opencms/export/sites/retecivica/materiali/q4/atti_q4/14-12_mozione_MUFFA.doc

****

Natale 2010 … con i nostri migliori Auguri !!

Anche quest’anno è arrivato il Natale e, come avevamo preannunciato, le nostre camere con il freddo s’addobbano con la muffa ( dalla foto non si vede bene, ma le spore fungine si arrampicano anche su per il soffitto e quest’anno c’è pure la novità di una infiltrazione d’acqua dal tetto ) .

In questa cameretta ci vivono due ragazzi.

L’inverno scorso il maggiore è finito all’ospedale con una crisi respiratoria e l’altro si è ricoperto di bolle.
La madre mi dice: ” Riccardo vieni presto a fare le foto…perchè io spruzzo “.
Una volta che ho immortalato la scena, la signora si mette tuta intera e mascherina e comincia a spruzzare il prodotto in discreta quantità.
E’ una donna simpatica, risoluta e forte; temprata com’è da una troppo precoce vedovanza e da anni di lavoro in fabbrica. Non si scoraggia certo con queste cose la nostra Sandra.
Quando nei giorni a seguire ritorno da lei a prendere un caffè, mi mostra, quasi orgogliosa, la cameretta che è ritornata bianca.
Lo fa per due-tre volte ogni inverno ( a seconda della durezza del clima )….e siamo già al terzo inverno.
Dopo aver fatto l’operazione mi racconta però che non si sente tanto bene nemmeno lei.

Tuttavia l’ASL, alla quale abbiamo inviato lo stesso esposto del Sindaco nel gennaio scorso, ci ha risposto in questo modo, senza mai intervenire ( sembra che volesse farlo, ma soltanto se in compagnia 🙂 ) .
Il Sindaco invece non si è neppure scomodato a risponderci.

In questi giorni abbiamo ricevuto la letterina Natalizia della nostra proprietà, che dice che il loro Babbo Natale ci regalerà un cappottino… Wow !
Ma , da polemici come siamo, diciamo che è più probabile che la Befana ci porti una calza.

Ma che paese è questo ?

Meglio tornare a scrivere direttamente la letterina a Babbo Natale e reinventarsi un mondo di sogni .

Tanti cari Auguri (a chi se li merita).

*****

Le nuove interrogazioni consiliari di Tommaso Grassi

Di seguito riportiamo integralmente le due nuove ulteriori interrogazioni al Sindaco Renzi da parte del Consigliere Comunale Tommaso Grassi del 28/10/2010.

Con questo post invitiamo noi la stampa (libera) a leggere, ribattere, riprendere queste nuove  interrogazioni perchè il consigliere non ha emesso anche in questo caso alcun comunicato sull’argomento.

E’ implicito che l’invito sia rivolto anche a chiunque, a qualunque organizzazione, con qualunque mezzo, voglia amplificare queste informazioni allo scopo di far luce sulla vicenda per ottenere verità e giustizia.

Ricordiamoci che c’è in ballo: la salute delle famiglie in primis , l’erario, l’ambiente, il risparmio energetico, l’housing sociale e qualche questione etica.

Leggi qui le precedenti interrogazioni in merito.

******************

Interrogazione Alloggi a Ponte a Greve ( 1 – Abitabilità e vivibilità alloggi – ndr)

Il sottoscritto Consigliere Comunale,

Preso atto che la situazione presso gli alloggi realizzati all’interno dell’intervento San Lorenzo a Greve compreso nel programma 20.000 alloggi in affitto sia per quanto riguarda le muffe presenti all’interno dei singoli appartamenti che per quanto riguarda le aree verdi a comune

Appreso dalle denunce a mezzo stampa che anche i cancelli e le porte dei garages non funzionano e restano aperti, consentendo a malintenzionati anche di accedere agli edifici interni

Preso atto dalla risposta ad una interrogazione che ‘al momento sono stati eseguiti accertamenti per la verifica delle condizioni igienico sanitarie negli alloggi da parte della Soc. Affitto Firenze, in data 12 e 29 gennaio e il 20 aprile del corrente anno, al fine dell’individuazione delle soluzioni per la rimozione dei problemi (vedi nota aff. Firenze del 21.6.10); e da parte dell’ufficio Ambiente per la verifica della relazione tecnica di cui alla legge 10/91 e seguenti, in merito alla conformità con lanormativa di legge per il risparmio energetico (vedi nota uff. ambiente del 2.3.2010). Le verifiche sul fabbricato da parte dell’A.C. non sono state eseguite per indisponibilità del comitato ad effettuare un sopralluogo congiunto per l’accesso agli alloggi. La situazione si è sbloccata con l’incontro delle parti presso l’assessorato casa del 23.6.2010 a seguito del quale è stato fissato un sopralluogo nel fabbricato in data 1.7.2010 nel quale saranno iniziate le operazioni di verifica dicompetenza dell’ A.C.’

Appreso che ci potrebbero essere sintomi in alcuni casi in minori che potrebbero far supporre una correlazione tra l’insorgenza di problematiche respiratorie e le condizioni abitative degli alloggi

Considerato che la stagione estiva è terminata e quella autunnale sta facendo diventare le temperature climatiche molto rigide e fredde

SI INTERROGA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER SAPERE

Quali siano gli sviluppi e le novità in merito all’intera vicenda degli alloggi di San Lorenzo a Greve dal punto di vista della garanzia delle condizioni minime di abitabilità e vivibilità negli alloggi del programma 20.000 alloggi in affitto

Se vi sono contenzioni (contenziosi – ndr) in atto tra il Comune di Firenze e la proprietà degli alloggi per le modalità con cui sono stati eseguiti i lavori e realizzati gli appartamenti.

Tommaso Grassi

Fonte: http://soant.comune.fi.it/consiglio/N01181-10.htm

******************

Interrogazione Aree verdi a Ponte a Greve ( 2 – Opere urbanizzazione: aree verdi e le aiuole adiacenti ai marciapiedi attigui agli alloggi – ndr )

Il sottoscritto Consigliere Comunale,

Preso atto che la situazione presso gli alloggi realizzati all’interno dell’intervento San Lorenzo a Greve compreso nel programma 20.000 alloggi in affitto sia per quanto riguarda le muffe presenti all’interno dei singoli appartamenti che per quanto riguarda le aree verdi a comune

Appreso dalle denunce a mezzo stampa che anche i cancelli e le porte dei garages non funzionano e restano aperti, consentendo a malintenzionati anche di accedere agli edifici interni

Preso atto che ad inizio agosto le aree verdi e le aiuole adiacenti ai marciapiedi attigui agli alloggi di San Lorenzo a Greve non erano state prese in carico da parte del Comune

SI INTERROGA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER SAPERE

Se nel frattempo le aree verdi e le aiuole adiacenti ai marciapiedi attigui agli alloggi di San Lorenzo a Greve sono state prese in carico da parte del Comune di Firenze

Quali siano le motivazioni che hanno ritardato la presa in carico

Quali standard di manutenzione ordinaria il Comune intende garantire per le aree verdi e le aiuole adiacenti ai marciapiedi attigui agli alloggi di San Lorenzo a Greve

Quali siano le motivazioni per cui il Comune non ha creduto in virtù della salute pubblica e del pubblico decoro di non invitare la proprietà a mantenere, prima del passaggio al Comune, le aree verdi e delle aiuole adiacenti ai marciapiedi attigui agli alloggi di San Lorenzo a Greve .

Tommaso Grassi

Fonte: http://soant.comune.fi.it/consiglio/N01179-10.htm

****************

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: